Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. CAP 11: La Firebolt

train with smoke

Harry è decisamente sconvolto dalle notizie che ha appena origliato su Sirius Black e la sua famiglia. Insomma, chi non lo sarebbe? Hai un padrino, hai una famiglia e lui, la persona di cui si fidano di più ti tradisce per il più pericoloso mago di tutti i tempi. Io sarei per lo meno svenuta.

Harry è diverso da me, lui inizia a provare un odio profondo e accecante verso Black. Lo sente deriderlo nell’oscurità. Hermione, che ormai lo conosce, inizia a metterlo in guardia sul non cercare di vendicarsi. Lui è un ragazzino di 13 anni e quello è un uomo che ha fatto una strage di Babbani, era evidentemente il braccio destro o sinistro di Voldemort e ha tradito senza problemi tutti i suoi amici.

Harry è disperato, spiega loro che sente sua madre urlare e Voldemort ridere quando incontra i dissennatori. E ora sa che tutto questo accade per colpa di Sirius Black. Come può non volere vendicarsi?
Harry, ti prego, non ti mettere come al solito a cercare di risolvere la situazione che sappiamo già come va a finire: tu ti butti, ti va abbastanza male ma Ron e Hermione ti danno una mano in qualche modo e la situazione si risolleva. Ma non è che può sempre andarti così bene!

Harry vuole andare da Hagrid a chiedergli spiegazioni sul perché non gli avesse mai parlato di Black, ma lo trova in lacrime.
Il ministero ha deciso di avviare un’inchiesta dopo che Malfoy è stato aggredito dal suo Ippogrifo. Hagrid sa già che se lo riterranno colpevole, sarà la fine per Fierobecco. Allora i nostri 3 amici decidono i aiutarlo come possono e corrono in biblioteca a cercare informazioni su Ippogrifi in tribunale.
Mi spiace molto per Fierobecco e mi spiace che ogni volta che qualcosa del genere accade un animale ci rimette le penne. Capisco che noi umani cerchiamo di proteggerci, ma non possiamo ogni volta risolvere la cosa uccidendo animali! Cosa ne pensate?

Tra l’altro in questo caso Hagrid parla un po’ di Azkaban e della sua orribile esperienza; di come si sentisse svuotato di tutti i pensieri belli, di come tu non sappia più chi sei, e di come i dissennatori non siano contenti di lasciarti andare nemmeno se sei innocente.

Beh, arriva il Natale! La signora Weasley manda un sacco di regali anche a Harry, che tenerona!! Ma c’è un regalo in più senza biglietto: una Firebolt!
E per Harry e Ron non c’è assolutamente nulla di strano nel ricevere da uno sconosciuto un oggetto di quel valore. Chi non riceve regali da anonimi benefattori?
E infatti Hermione, che a volte è un po’ insopportabile, ma molte altre è la più sveglia, spiffera tutto alla McGonagall che pensa sia il caso di far esaminare la scopa per bene. Harry e Ron non la prendono bene.

Non solo, Ron è a dir poco adirato quando per l’ennesima volta GRattastinchi attacca Crosta che già sembra più di la che di qua. In effetti 12 anni di vita per un topo che dovrebbe viverne tipo 3 mi sembrano un po’ esagerati. Cosa avrà di tanto speciale per aver resistito così tanto?

Nel frattempo però c’è un bel pranzo di natale con i pochi presenti a scuola in cui notiamo che Piton non è felice MAI, che la Trelawney è considerata un pochino farlocca dalla McGonagall e che Silente invece è un gran burlone.

Cosa ne pensate di questo capitolo? Quali profezie della Trelawney si avvereranno?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: