Harry Potter e la pietra filosofale. Cap 16: Attraverso la botola

Finalmente giungiamo ai due capitoli finali, più importanti e dove vediamo più azione (o più magia).

Arriva il periodo degli esami, lungo e noioso, ma Harry ha sempre in testa Voldemort e non solo, la sua cicatrice gli fa un male cane. Sarà un segno di avvertimento? In più non fa che avere incubi su una figura incappucciata che gocciola sangue.

Apro qui una piccola parentesi sulla descrizione favolosa degli esami, è davvero stupendo vedere cosa devono fare, cosa hanno studiato i ragazzi, cosa chiedono loro i professori! Non trovate?

Nel frattempo gli esami finiscono, Fuffi sembra essere sempre al suo posto, i ragazzi sono convinti, che finché Silente rimane a scuola, nessuno è in pericolo. Ma Harry pensa che ci sia qualcosa che non va. Pensateci bene, non è strano che la cosa che più Hagrid desidera al mondo sia avere un drago e guarda caso incontra una persona che ne ha uno in tasca?

Chi se ne va con un drago in tasca? Non avrà voluto estrapolare informazioni da Hagrid? I ragazzi corrono quindi dall’amico e iniziano a chiedergli di cose avesse parlato con quella figura misteriosa. Lui, purtroppo, ammette di avergli detto che Fuffi se ne sta calmo se ascolta un po’ di buona musica.

Oddio! E ora? Harry non ha dubbi: è arrivato il momento di parlare con Silente! Ma, un momento, dov’è l’ufficio di Silente? Vanno, quindi, dalla McGonagall che dice loro che Silente ha ricevuto un gufo dal Ministero della Magia, che è appena partito e tornerà domani. Allora loro non hanno scelta:”La pietra filosofale è in pericolo!” La McGonagall è sorpresa e furiosa. Come possono sapere della pietra e come osano dire che non sia ben protetta!

Rimangono soli e decidono di agire. Quella notte immobilizzano Neville che non vuole lasciarli andare, prendono il mantello dell’invisibilità e il flauto di legno di Hagrid. Giunti davanti alla porta del terzo piano si accorgono che è aperta. Dentro Fuffi è tranquillo, ma l’arpa che ha vicino ha smesso di suonare, quindi Harry inizia a suonare a caso il flauto. Fluffi si addormenta e loro si lasciano cadere nella botola.

Finiscono su di una strana pianta che inizia ad avvolgerli e a stritolarli. Hermione si ricorda che questa pianta è il Tranello del Diavolo, che non ama il calore e la luce. Quindi crea una sorta di fuoco con la bacchetta e riescono tutti a liberarsi dalla morsa della pianta.

Continuano a camminare in un corridoio e giungono davanti a una porta chiusa. In alto verso il soffitto ci sono centinaia di chiavi che volano come fossero uccellini. Prendono le scope posate a terra e vedono che la chiave giusta è una antica, con le ali arruffate (perché già stata acchiappata una volta!). Harry, grazie alle sue capacità di cercatore riesce a catturarla e ad aprire la porta.

Si trovano in un grande salone ricoperto da una scacchiera sopra la quale attendono dei giganteschi scacchi senza volto. Devono giocare una partita. Per fortuna Ron è un grande giocatore, li fa vincere ma sacrificando se stesso. Prende una botta in testa e finisce svenuto in un angolo.

Harry ed Hermione devono proseguire. Dopo essere passati davanti ad un enorme troll già atterrato da chi è passato in precedenza, finiscono in una stanza con un tavolo, sul quale sono posizionate delle pozioni. C’è una pergamena con un indovinello di logica. Hemione è molto intelligente e capsice quale delle pozioni si può bere per poter attraversare la stanza. Ma Harry le dice di tornare indietro, prendere Ron e avvertire Silente. Nel frattempo lui proseguirà e cercherà di fermare per un po’ Piton.

Ma, entrato nell’ultima stanza, chi si trova davanti non è Piton. E non è nemmeno Voldemort. Chi sarà mai? Harry e i ragazzi hanno sospettato della persona sbagliata per tutto questo tempo!

Voi avete già capito chi sarà? E se avete già letto il finale, la prima volta che avete letto questo libro siete rimasti stupiti nel conoscere il vero colpevole?

Io, ai tempi, iniziai prima con i film e dopo lessi i libri, ma anche guardando il film rimasi stupita quando conobbi il vero colpevole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...