Harry Potter e la camera dei segreti. CAP 3: La Tana e CAP 4: Al Ghirigoro

Ho deciso di unire questi due capitoli perché mi sembrava opportuno parlare della famigllia Weasley in una volta sola. In questi capitoli la conosciamo meglio, vediamo da chi è composta, come vivono, scopriamo davvero tante cose carine riguardo una normale vita da mago.

Ah, caro amico Ron, come ha potuto Harry dubitare della tua amicizia? Ecco, che lo vediamo sporgere la sua testolina rossa da una macchina che sta letteralmente fluttuando davanti alla finestra della camera di Harry.
Erano tutti preoccupati per lui, non rispondeva alle lettere (che Dobby stava nascondendo) e quindi ha deciso insieme a Fred e George di prendere “in prestito” la macchina volante del padre e andare a vedere se stava bene.

E in effetti non stava bene per niente, chiuso in camera, sbarre alle finestre, Edwige non può volare, ha ricevuto un ammonimento per una magia che non ha fatto… insomma uno schifo!

Quindi, dopo aver sradicato le inferriate dalla finestra di Harry, lo salvano facendolo tuffare dentro l’auto insieme a tutta la sua roba (e a Edwige).
Harry racconta loro di Dobby, ma sembrano un po’ perplessi: in fondo, un elfo domestico è fedele ai suoi padroni, perché dovrebbe tradirli così?

Avranno ragione i Weasley a pensarla in questo modo? Effettivamente è difficile credere a qualcuno che non conosci, che ti dice queste cose assurde e che cerca in qualunque modo di non farti andare ad Hogwarts. Vedremo come si evolverà la situazione. Iniziano a pensare che DObby possa essere l’elfo dei Malfoy e veniamo anche a sapere da Fred e George che erano dei sostenitori di Voldemort!
Decisamente una brutta cosa.

Mi piacciono questi due capitoli perché conosciamo meglio la famiglia Weasley: il padre Arthur lavora al Ministero della Magia nell’Ufficio per l’uso improprio dei manufatti dei babbani. L’ufficio perfetto, visto che proprio lui possiede un’automobile incantata!
La madre Molly è esperta di magia domestica, è una casalinga del mondo della magia insomma. Si prende cura di non pochi figli, dev’essere particolarmente stancante anche per chi sa usare la magia! Poi ci sono Bill, il figlio primogenito, prefetto e caposcuola ad Hogwarts, e ora Spezzaincantesimi alla Gringott in Egitto, e Charlie, secondogenito, prefetto e giocatore di Quidditch nel ruolo di cercatore e capitano della squadra di Grifondoro a HOgwarts, e poi studioso e allevatore di draghi in ROmania. Poi ci sono Percy, che è appena diventato prefetto, e sogna di diventare Ministro della Magia, Fred e George, gemelli dispettosissimi ma grandi giocatori di Quidditch per i Grifondoro, Ron, che si sente un po’ teso per la bravura dei suoi fratelli, e Ginny, la più piccola e unica figlia femmina, che inizia ora il primo anno a Hogwarts. Una bella famiglia numerosa!
Abitano tutti nella Tana, una casa che si regge in piedi forse grazie a qualche incantesimo, che forse prima era una porcilaia, che ha qualche camera aggiunta in modo strano e che per Harry è il posto migliore al mondo. Quella sì che è una casa piena di amore!

Arrivano con l’auto alla tana, Molly li striglia per bene perché, insomma, è pericoloso volare con una macchina incantata! Harry impara come ci si sbarazza degli gnomi da giardino, gioca a Quidditch coi fratelli Weasley, mangia i manicaretti preparati dalla signora Weasley, come potrebbe non essere felice in una famiglia così? Dignitosa, umile e felice.
Avete anche notato come Ginny, in sua presenza, si comporti in modo strano? ha una bella cotta per lui secondo voi?

Arriva, finalmente, la lettera da Hogwarts per tutti i ragazzi, e anche per Harry! Silente sa proprio tutto!
La lista dei libri per il nuovo anno è stranamente quasi per intero formata da libri di un certo Gilderoy Lockhart, la cosa fa sospirare in modo romantico Molly e Ginny. Dev’essere un famoso e intrigante mago!
E’ giunto, quindi, il momento di andare a Diagon Alley a comprare tutto l’occorrente per la scuola. Ma come ci si arriva?
Con la Polvere Volante, mi sembra ovvio! Basta avere un po’ di questa polvere e un camino e la cosa è fatta. Ecco, ma naturalemente, Harry per l’emozione sbaglia qualcosa e invece di finire in un camino a Diagon Alley, finisce a Notturn Alley, in un negozio alquanto sinistro! Sta per uscire, quando vede Draco e suo padre entrare nel negozio e quindi si nasconde in un armadio. I Malfoy vogliono vendere oggetti di magia nera che hanno in casa perché il ministero sta facendo perquisizioni e direi che avere oggetti di quel tipo non è propriamente legale.
Mi sembra anche che parlino di Voldemort in maniera un po’ troppo positiva, non trovate? “Il Signore Oscuro” non è un nome con cui chiamerei qualcuno che odio, ecco.
Sembra anche di capire che sono una famiglia di conservatori, che per loro la razza pura di maghi non andrebbe sporcata con quella dei babbani. Wow, complimenti Mr Malfoy, per me ti meriteresti la galera per direttissima.

C’è un dettaglio che segnalerei: Draco si ferma a guardare una stupenda collana di opali con un cartellino “Attenzione: non toccare. Maledetta. Fino a oggi è costata la vita a 19 babbane che l’hanno posseduta.” Teniamoci a mente questa cosa per i libri a venire!

Insomma, Harry esce da questo posto oscuro e riesce ad andare a Diagon Alley perché incontra Hagrid che cerca veleno per lumache carnivore (questo mi ha sempre lasciato con un punto di domanda: davvero Hagrid era a Notturn Alley per prendere del veleno per lumache?).
Incontrano i Weasley ed è Arthur a riparare gli occhiali che Harry ha rotto durante il viaggio con la polvere volante (non Hermione come vediamo nel film!). Ci sono anche Hermione e i suoi genitori Babbani, un po’ timorosi del posto in cui si trovano.
Iniziano tutti a comprare tutto l’occorrente e si ritrovano poi al Ghirigoro, la libreria. Lì con sorpresa scoprono che Gilderoy Lockhart in persona sta firmando i suoi libri. Questo marcantonio dalle vesti decisamente vivaci, vede Harry, ci si fa una bella foto per il giornale (ricordiamoci che HArry è famoserrimo nel mondo dei maghi) e gli regala una copia di tutti i suoi libri.
E qui Harry, a mani basse, diventa per me l’eroe che davvero dovrebbe esistere nella vita reale: visto che lui di soldi ne ha in abbondanza, regala tutti i libri a Ginny, sapendo che la sua famiglia farà davvero fatica a procurarli a tutti i suoi figli. Che ragazzo d’oro!

Purtroppo, il gruppo di nostri amici incontra in libreria Draco e suo padre, che con la puzza sotto il naso critica in modo velato… no che velato, è proprio un arrogantone! Insomma, critica i Weasley e la loro situazione economica andando a curiosare nel calderone di seconda mano di Ginny; Arthur si inalbera e lo attacca. Inizia una lotta che solo Hagrid, data la sua stazza, e la signora Weasley, data la sua autorità, riescono a fermare.

Che giornate intense per Harry e i Weasley! Cosa pensate di questi due capitoli? Ci sono dei dettagli importanti da ricordare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...