La serie crime della settimana: CSI – Scena del crimine

Non può mancare tra l’elenco di serie crime da non perdere, il telefilm che ha riportato la voglia di poliziesco nel 2000.
CSI – Scena del crimine, o in originale Crime Scene Investigation, e gli altri del franchise di cui parleremo più avanti, ha dato il via a una lunga serie di serie tv che entrano nel dettaglio delle indagini scientifiche della polizia.
La deduzione dell’investigatore, l’acume dei protagonisti nel risolvere il caso, viene affiancato e anche un po’ sormontato dalla pura scienza.

Formata da ben 15 stagioni, la serie è andata in onda dal 2000 al 2015, ogni episodio dura 45 minuti ed è nella maggior parte delle volte autoconclusivo. Potete vederla su Sky o in streaming come dei veri pirati.

Trama.

Le vicende della serie ruotano attorno alle indagini della squadra del turno di notte della polizia scientifica di Las Vegas. La ricerca delle prove per collegare crimini e loro esecutori è il principale scopo della squadra, che si avvale di tutti i mezzi offerti dalla tecnologia, dalla scienza e dalla razionalità dei singoli componenti.
La squadra è in origine guidata dal supervisore Gil Grissom, un esperto entomologo e dalla collega assistente supervisore Catherine Willows, madre single molto devota al suo lavoro. I membri del team lavorano a stretto contatto con il capitano Jim Brass, un detective esperto, e con il dottor Albert Robbins, il medico legale, e il suo assistente David Phillips. Nella nona stagione in sostituzione di Grissom arriva Raymond Langston, che a sua volta, nella dodicesima stagione, viene sostituito da D. B. Russell. Catherine, dopo essere stata retrocessa, rassegna le sue dimissioni e sarà sostituita nella dodicesima stagione dall’ex collega di Russell Julie Finlay, esperta ed anche affascinata dal sangue.

Mi sono molto appassionata a questa serie insieme a mio padre. Le prime stagioni ci tenevano incollati allo schermo. Ho iniziato a seguirla di meno dopo la settima/ottava stagione, per impegni miei, ma anche perché, come la maggior parte dei telefilm, dopo un po’ non è più come prima.
I personaggi si evolvono e magari non sei contento della fine che fanno. D’altronde gli autori devono pure inventarsi qualcosa.

Credo comunque che sia una serie ben fatta, che merita di essere vista almeno fino a quando Gil Grissom se ne va.
E’ davvero interessante capire come lavora la polizia scientifica americana, ovviamente alcune cose lasciano il tempo che trovano, come l’ingrandimento all’infinito di foto che nella realtà diventerebbero molto sgranate. Ma nel complesso è una serie che ti insegna anche nozioni scientifiche, come tutte le informazioni che Grissom sciolina sugli insetti.

Consiglio questa serie ovviamente agli amanti del crimine, degli Stati Uniti, delle indagini della polizia, ma anche a chi vuole conoscere di più, a chi piace scoprire ogni volta un aneddoto nuovo. In più, la musica in background è sempre parecchio bella.

Cosa pensate di questa serie?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...